L' ESERCIZIO TERAPEUTICO INDUCE ANALGESIA

L' esercizio terapeutico è oggi uno strumento importante e fondamentale nelle mani del Fisioterapista per il trattamento di ogni condizione dolorosa muscolo-scheletrica.

Oggi è considerato essere la best practice in Fisioterapia ed è più raccomandato di qualsiasi altro approccio passivo.

Esistono varie forme di esercizio: esercizio aerobico, esercizio anaerobico, lo stretching e quello per il potenziamento muscolare.

In Fisioterapia oltre a queste forme generali di esercizio che possono avere finalità terapeutica esistono specifici esercizi impairment based ovvero studiati appositamente per trattare una specifica patologia o disfunzione.

Partendo proprio dal fatto che l' esercizio terapeutico è dimostrato essere efficace oggi si cerca di progredire ulteriormente cercando di capire il giusto dosaggio in termini di intensità e numero di ripetizioni affinché possa essere  sempre più performante

Ma qual' è l' effetto dell' esercizio?

L' effetto dell' esercizio è multifattoriale ma l' aspetto che interessa di più in ambito terapeutico è la sua capacità di indurre analgesia ovvero ridurre uno stato doloroso.

L' effetto analgesico dell' esercizio è stato studiato sia in soggetti sani che in soggetti malati (es. dolore al ginocchio da artrosi) (Sluka 2009).

Nei soggetti sani il dolore è stato indotto artificialmente e misurato prima e dopo l' esercizio trovando che si verifica effettivamente un effetto analgesico (Janal 1984, Kosek 1996 Bartholomew 1996).

Nei soggetti con dolore è stato dimostrato che ha effetti analgesici ma rimane ancora da studiare e capire diversi aspetti in funzione anche proprio del tipo di dolore (Chatzitheoudorou 2007, Brosseau 2003, Hoffmann 2005).

Uno studio recente sul trattamento dell' artrosi del ginocchio ha proprio approfondito con successo alcune modalità di esercizio patologia-orientato (Hurley 2012).

L' efficacia analgesica dell' esercizio può quindi dipendere dal tipo di disordine doloroso ( es. dolore meccanico da artrosi)(Sluka 2009).

Quali sono i meccanismi che sottendono all' effetto analgesico dell' esercizio terapeutico?

Esistono diversi modelli che sono stati studiati e trovati essere responsabili di questo effetto e possono essere distinti in meccanismi oppioidi e meccanismi non-oppioidi (Sluka 2009).

I meccanismi oppioidi sono meccanismi bio-chimici che si verificano a livello del sistema nervoso centrale e periferico e consistono nella liberazione di sostanze simili alla morfina chiamate endorfine (Droste 1991, Janal 1984, Schwarz 1989, Hoffmann 1990).

I meccanismi non oppioidi sono invece legati ad altri aspetti come ad esempio la teoria del gate control (Melzack e Wall 1965) o alle moderne scoperte delle neuroscienze riguardo la fisiologia del dolore neurogenico e il conseguente approccio di trattamento (Nijs 2014).

Esiste ancora molto strada da fare per capire a fondo come funziona l' esercizio terapeutico e sulle sue proprietà analgesiche, tuttavia è sicuramente una strada ancora fortemente sottostimata nel trattamento di condizioni dolorose muscolo-scheletriche come ad esempio l' artrosi di ginocchio.

Nessun commento:

Posta un commento